La Newsletter Molesta

>

Alcuni mesi fa ero alla ricerca di un prodotto per la casa e girovagando nel mare grande di internet avevo trovato quello che mi interessava sul sito www.laredoute.it ( non lo linko di proposito).
Dopo aver valutato attentamente prezzo, spese di spedizione, affidabilità del negozio ho desistito dall’acquisto perchè non troppo conveniente per i gusti miei e quelli del mio portafoglio.
Come faccio spessissimo ho salvato il link del negozio tra i preferiti di Chrome e mi sono iscritto alla newsletter per rimanere informato sulle eventuali promozioni e offerte che che i gestori avrebbero voluto condividere con me (sic!).

La mia odissea fatta di offerte e email non gradite comincia a questo punto e mi trova tuttora impelagato nel mare di inefficienza di questo sito poco rispettoso della mia volontà di non ricevere più i loro aggiornamenti.

All’inizio ho ricevuto le loro offerte e essendomi iscritto volontariamente leggevo che cosa mi si proponesse, vuoi poi che queste offerte erano quasi giornaliere e la loro qualità scarsa e di poco conto per il mio fabbisogno di shopping ho deciso di cancellarmi dalle news.
In fondo a ogni email che i signori di LaRedoute.it mi inviano bisogna dire che esite il tasto “Unsubscribe” ma non funziona e sopratutto segue una logica perversa.

Se ti vuoi rimuovere dalla loro lista non devi semplicemente cliccare il link ma devi riscrivere il tuo indirizzo email nell’apposito campo e lasciare senza nessun segno di spunta le due opzioni presenti.

Non sarebbe particolarmente complesso, anche se io personalmente preferisco il click e unsubscribe diretto senza conferma o mail di ritorno dell’avvenuta cancellazione.

Dopo aver effettuato questa procedura ormai diverse volte ho deciso di mettere tutti gli indirizzi relativi a questo sito direttamente nella cartella di spam della mia email e segnalare all’apposita autorità questo comportamento lesivo della mia volontà e privacy.

N.B. ho anche scritto diverse volte al loro customer care senza ricevere mai nessuna risposta.

Attenzione quindi a fornire il vostro indirizzo email a questo tipo di e-commerce perchè la professionalità non dimora a casa di questi signori.
Una soluzione che ho adottato da tempo e che mi protegge da ulteriori sbagli del genere è creare una mail apposita per seguire newsletter, feed e iscrizioni a siti della cui correttezza non sono certo al 100%.

Curioso ma pigro fluttuo per la rete cercando diversivi dallo sgranocchiare bambù.

Be first to comment