Un progetto di condivisione e d’amore : Italy

Senza retorica ammetto di essere fiero di essere italiano, non una volta quando mi hanno chiesto dove ero nato ho risposto con chiarezza che lo stivale propeso nel Mediterraneo era la mia casa, il mio luogo di origine, la mia delizia e il mio tormento. Ho raccontato a tutti quanto sia bello vivere in Italia, percorrere le sue strade e assaggiare i sui cibi, riposarsi all’ombra di una delle tante vigne e olivete, quanto sia speciale ed unico il suo mare.

Ho anche raccontato di un paese subordinato a se stesso e ai suoi vizi , al suo malcostume e a quell’indolenza tipica di noi italiani. Ho maledetto politicanti e attori di governi sempre sbagliati, ho percepito e diffuso l’idea che il malaffare italiano è endemico come l’aria, che tutti tendono a fare i furbi e che le tasse le pagano solo gli “sciocchi” lavoratori dipendenti.

Ho raccontato come sia diffusa la mafia nelle sue propaggini più sottili, come un sistema di omertà regni e domini incontrastato in alcune nostre province uccise dal crimine organizzato, come la sensazione di difficoltà a convivere con un corrotto abbia logorato ormai milioni di cittadini che si sentono usurpati della propria voce e del proprio diritto.

Ho parlato del calcio e delle sue assurde logiche monetarie, del suo ruolo di “panem et circenses” per la nostra popolazione e come l’indignazione nel nostro paese monti solo per una partita persa o un giocatore sbagliato nella campagna acquisti. Ho provato sdegno per le truffe di miliardari in pantaloncini che comprano e vendono partite, scommettono e tramano per il risultato, si arricchiscono ancora di più in un’orgia di scommesse clandestine con l’Asia e le mafie d’oltremare.

Non ho parlato invece per pudicizia di quanto ammiri gli italiani per la loro incontrastabile forza e resistenza, per quanti occhi cupi e mani affaticate hanno saputo e sanno tuttora creare opere di ingegno meraviglioso e semplice onesto . Non ho parlato delle canzoni sentite cantare per strada su biciclette sgangherate nella notte, della e dell’aroma di una vita meravigliosa annusata nei vicoli di ogni paese italico, di come sia generosa e profonda la gente semplice del nostro paese, di come il pane condiviso sia per tutti noi famiglia e rapporto, di come lasciandosi andare dopo un bicchiere di troppo gli italiani cantino le vecchie e le nuove canzoni cambiando vocali e consonanti alle parole straniere.

Se l’ è un sentimento che ti strazia, che ti riempi il petto d’aria, le mani di forza e il cammino di speranza, il popolo italiano è per me anche questo. Tutto, nella sua interezza, appare familiare e vicino. Dal bello al brutto, dalla stupidità al grande ruolo di ognuno di noi di migliorare e vivere questo nostro paese vituperato all’estero e da noi stessi.

Perchè, a volte, si tratta di fare un compendio, tra quello che ci turba e quello che ci dona un sorriso, tra quello che vorremmo cancellare e quello che invece serbiamo per sempre nascosto nel cuore, al riparo da sguardi indiscreti e condiviso solo con il proprio io.

E’ in momenti come quelli di oggi, che stiamo vivendo tutti, che bisogna invece alzare la voce, che bisogna necessariamente ricordarsi che il popolo bove di mussoliniana memoria il giogo non lo sopporta e non lo vuole più portare. Ci siamo stancati ormai un pò tutti delle piaghe che questo giogo ci fa sulle spalle,  ci siamo stufati di arare campi le cui messi vanno distrutte dall’incuria e dallo spreco. Siamo tutti stanchi di annaffiare un campo di cui poi pochi godono i frutti.

Ho deciso nel mio piccolo, da questo spazio che racconta il bello accanto a noi di lanciare un progetto semplice ma da condividere con tutti, un luogo virtuale dove raccogliere quanto ci sta a cuore del nostro paese e le immagini che lo rappresentano, nel bene e nel male.

Per diffondere l’idea che l’Italia è veramente un luogo dove ci si sente fieri di essere nati, che il sangue versato dai nostri nonni per difendere una libertà rubata non è andato perso nella memoria della storia e nei maneggi delle solite figure oscure che tramano per il “bene” del nostro paese.

Che le stragi passate e moderne non hanno deriso la nostra capacità di discernere in vero, che le macchinazioni sulle Piazza Fontana e studenti ammazzati non ci hanno tappato gli occhi e assordato il senso di giustizia.

Che essere italiani non è folcrore da esibire nelle sagre di paese dove estatici stranieri mormorano … wonderful.

Italy è il contributo mio e di tutta la redazione di PandaMolesto, di tutti quegli amici, conoscenti, blogger, forumisti che amano questo paese e ne vogliono condividere tutti gli aspetti. Con onestà e con senso critico, con amore e necessità di salvazione.

Con il pensiero che essere italiani è cosa unica, che ti strugge, ti ricorda quanto siamo fortunati e maledetti al tempo stesso, quanto siamo unici ed inimitabili nell’immensità del mondo e di tutti i suoi visitatori.

 

 

Curioso ma pigro fluttuo per la rete cercando diversivi dallo sgranocchiare bambù.

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

5 Comments

  • Rispondi luglio 19, 2012

    Graeta

    Veramente un bel progetto e ho visto che la board su Pinterest è veramente seguita da tante persone e oltre 150 persone possono postare le immagini significative dell'Italia, come faccio a essere invitata ?

    • Rispondi luglio 19, 2012

      PandaMolesto

      Se hai un profilo su Pinterest diventa follower di PandaMolesto e poi io ti invito a partecipare alla creazione della board Italy. Quando avrai accettato l'invito potrai a tua volta invitare chi vuoi e così questo straordinario progetto di condivisione d'amore per il nostro paese e le sue mille bellezze crescerà ancora e ancora diffondendo nel mondo l'idea che gli Italiani non sono solo pizza, mafia e mandolino :)

  • Rispondi febbraio 3, 2013

    Gin

    Posso partecipare?

    • Rispondi febbraio 5, 2013

      PandaMolesto

      Puoi partecipare sicuramente Gin, basta che diventi follower di PandaMolesto su Pinterest e io ti mando l’invito per la board condivisa. A presto !!

  • Rispondi luglio 31, 2013

    letizia

    Salve, vorrei partecipare alla board condivisa sull’ italia. Sono già follower. Grazie.

    Letizia

Leave a Reply