Eugene Kotenko : Vita segreta di una panchina

Nessuno ci pensa mai a quante persone trovano , si siedono, discutano, vomitano , muoiono o rinascono su una vecchia  panchina in un parco. Per quanto possa apparire strano il palcoscenico della vita trova e palco nei posti più impensati, basta saper cogliere l’attimo in cui la vita si svolge , anche due assi di legno e poco metallo piantati in mezzo alla nuda terra di un ucraino possono essere fonte d’ispirazione per un lavoro fotografico sull’ e le sue mille sfumature.

Eugene Kotenko è un ucraino che durante quattro anni di lavoro ha un’umanità varia e molteplice per disperazione e gioia. Il soggetto è la panchina che volente o nolente accoglie tutti quelli che vogliono ristorarsi un attimo o stordirsi maggiormente al suo cospetto. Il non è mai scontato, unico elemento comune l’innocente attesa del legno, tutt’attorno invece solo la vita, nelle sue sfaccettature, nella sua impietosa realtà.

Curioso ma pigro fluttuo per la rete cercando diversivi dallo sgranocchiare bambù.

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

Be first to comment