Paintings for Ants di Lorraine Loots

Da piccoli abbiamo tutti giocato con le formiche, sarebbe più corretto dire che le abbiamo torturate e che con crudeltà bambina ci siamo approfittati delle minuscole dimensioni di questi straordinari animali per esplorare un lato della nostra personalità che sinceramente avremmo potuto anche fare a meno di rivelare a scapito di altri esseri viventi.

Le formiche sono da sempre protagoniste di favole e storie, con il loro mondo nascosto e sommerso, perfettamente organizzato e rivolto al bene della comunità, un sistema perfetto di compiti e doveri, di strutture gerarchiche e classi sociali con uno scopo ben preciso. Il perfetto esempio di società immutabile racchiuso in un socialismo di sopravvivenza.

Solo da bambini immaginavamo però che sotto la superficie della terra, negli intricati cunicoli scavati da miliardi di zampette, le formiche potessero nascondere qualche segreto magico, qualche stanza segreta in cui la mera vita dei lavoratori della terra trovasse sfogo e magnificazione.

Non so se è quello che ha pensato Lorraine Loots creando i suoi minuscoli quadri d’autore, i suoi dipinti per formiche appunto, ma la fantasia vola ed è bello pensare ai suoi capolavori appesi nelle stanze nascoste di un formicaio, in un Louvre sotterraneo dove eserciti di formichine passano le giornate di riposo ad ammirare le bellezze del fuori, riprodotte per loro da un’umana un po’ speciale.

 

framed

26september2014

27september2014

2september2014

 

 

 

Scrivo per chi mi paga , per chi mi piace e perchè forse non so fare molto altro. Non dico di saperlo fare bene ma parlando poco e fumando molto, il miglior posto dove trovarmi è sempre dietro una tastiera o con gli occhiali sulla fronte a leggere un libro.

Be first to comment