Il Dildo Selfie Stick: l’orgasmo fotogenico

CQoejUwUkAAEWwT

Ci pensi mai a come è cambiato il mondo negli ultimi anni? A come l’edonismo è stato spinto ai massimi livelli pur senza esserci davvero una ragione valida?

Il piacere di ritrarre la propria immagine è ormai così diffuso, grazie anche a piattaforme social appositamente create, che sono stati messi in campo (messi in campo??!! Orrore, orrore!!) appositi contenitori virtuali per raccogliere e celebrare tutto questo mare di insicurezza e ricerca di accettazione di se stessi.

La fotografia prima era confinata al domestico, all’arte, alla rappresentazione funzionale o immaginifica di cose e persone, adesso, la fotografia è solo un click, una faccia imbronciata a culo di gallina, una manciata di mi piace, un refresh continuo e un indice perennemente impegnato nello sfogliare verso l’alto la pagina di un social di un ragazzo multimiliardario che vuole connettere e rendere unito tutto il mondo e che in cambio si prende “solo” gli aspetti più intimi e privati della nostra vita. E non lo fa con una pistola, glielo diamo noi. Gratis.

Per cibarci meglio in tutta questa festa parossistica e afunzionale abbiamo inventato persino degli strumenti apposta che ci rendessero più facile il lavoro. Siamo dei geni in fondo. Siamo figli di gente che si è inventata il modo di volare, percorrere grandi distanze con macchine su ruote, abbiamo persino mandato gente su un satellite vicino a noi in anni in cui nessuno ci credeva, in effetti alcuni di noi ancora non ci credono, certo è, che un anno prima abbiamo visto lo spazio come mai prima, per opera di un occhialuto bastardo ossessionato dai particolari.

Perchè siori e siore abbiamo inventato il selfie , un bastoncino allungabile a cui collegare il nostro beneamato telefonino, un’estenzione delle nostre braccia a cui solo Gianni Morandi può rinunciare.

Con lo stick ci siamo messi in posa, ci siamo atteggiati a divi di borgata e abbiamo esplorato i confini della creatività, abbiamo capito che se lo stick lo punti verso il cielo, abbassi la testa e lo sguardo, le foto vengono meglio, la figura si sfina e in culo alla merda che mangiamo, sembriamo più magri. Lo stick ci rende persino più giustizia del nero.

Lo stick è il nuovo nero. Che è persino meglio dell’Orange.

Nella vita però non bisogna mai farsi prendere dal livore, fa male alla salute e per ovviare alla regola stretta in cui se il passaggio funzionale sta per essere superato bisogna inventare qualcosa di nuovo, ecco che vi presento : il selfie stick.

Hai capito bene, il selfie dildo stick è quello che pensi, sul tuo bel bastoncino funzionale ci hanno attaccato un bel cazzone, anzi tutta una serie, intercambiabile, giocabile, immagino lavabile.

dildoselfiestick-Tyrosize2

 

Non avrai più scuse adesso per non farti un bel selfie mentre ti diverti con i tuoi bei giocattoloni neri o con le testine rotanti del tuo selfie stick trombatronic 2000. Nel mezzo dell’apice del piacere, quando i tuoi sensi stanno per scoppiare, quando Kundalini ti sta per fare implodere i polmoni in petto e il tuo culo e la tua vagina saranno pronti per ricevere l’energia dell’AMMMORE, allora e solo allora potrai premere il tasto magico e immortalarti nell’attimo supremo. Conosceremo tutti un nuovo orizzonte, varcheremo un’altra soglia della conoscenza.

Quello che aspetto, adesso, dopo aver conosciuto tanta bellezza, sono i cingalesi per la strada che offriranno alle nostre signore e ai nostri signori, il selfie stick dildo è infatti uno strumento che travalica il gender, il magico attrezzo.

Nel caso di un nostro diniego all’acquisto non sarà un’offesa apostrofare il venditore con espressioni colorite relative all’inserimento del medesimo nei suoi orifizi o in quelli di chi preferisce.

Sono i tempi che cambiano bellezza e ci siamo tutti in mezzo.

Scrivo per chi mi paga , per chi mi piace e perchè forse non so fare molto altro. Non dico di saperlo fare bene ma parlando poco e fumando molto, il miglior posto dove trovarmi è sempre dietro una tastiera o con gli occhiali sulla fronte a leggere un libro.

Be first to comment